Adiconsum avvia una Class Action contro Wolkswagen

Aggiornamento: 27 ott



Lo scandalo sulle false emissioni dichiarate dalla Volkswagen su alcuni dei suoi modelli diesel rappresenta un motivo più che valido per avviare una class action nei confronti della casa automobilistica. Preso atto che Volkswagen, dopo i disastri che ha combinato, non è interessata a confrontarsi con le Associazioni di tutela dei consumatori Adiconsum avvia una class action. Mentre le perquisizioni della Guardia di Finanza nella sede della Volkswagen Italia a Verona hanno portato a scrivere nel registro degli indagati il presidente e l’Amministratore delegato della VW e l’Autorità dei Trasporti tedesca ha richiamato 2,4 milioni di auto con motore diesel dotato del software incriminato, recall che saranno monitorati dalla stessa Autorità, ancora non è chiaro l’elenco dei modelli incriminati. Si ritiene che esse siano quelle con motore 2.0 Tdi EA 189 commercializzate dal 2009 in poi e probabilmente quelle con motore 1.6 Tdi.

I modelli coinvolti sarebbero complessivamente 20, così ripartiti:

· 8 con il marchio Audi (A1, A3, A4, A5, A6, TT, Q3 e Q5);

· 3 con il marchio Seat (Leon, Altea e Alhambra);

· 3 con il marchio Skoda (Yeti, Octavia e Superb);

· 6 con il marchio Volkswagen (Golf, Passat, Maggiolino, Sharan, Tiguan e Touran);

· Pare possibile anche il coinvolgimento dei veicoli commerciali Volkswagen Caddy e Multivan e del pick-up Amarok.


I consumatori che vorranno aderire alla class action potranno farlo scaricando il Modulo presente nella sezione “Noi x te” del sito www.adiconsum.it oppure recandosi presso la sede territoriale Adiconsum più vicina. Dopo aver compilato tutti i campi del Modulo basterà cliccare su “Invia” ed il Modulo sarà acquisito dai sistemi informatici dell’Associazione.

L’Azione di classe consiste in una richiesta che una “collettività” rivolge al giudice al fine di ottenere un provvedimento favorevole in caso di danni derivanti da un medesimo fatto illecito. In buona sostanza, più soggetti, titolari di interessi omogenei, chiedono l’accertamento della responsabilità e la condanna al risarcimento del danno e alle restituzioni.

Nella fattispecie in esame, qualora si intendesse agire in via di class action, sarebbe urgente formalizzare alla Volkswagen Group Italia, e a cascata ai singoli concessionari