Bolletta luce

NO a caricare in bolletta costi non attinenti ai consumi elettrici Serve un Fondo sociale dedicato

In un periodo di grave difficoltà delle famiglie e delle Piccole e Medie imprese aggravata dalla pandemia di Covid tuttora in corso, e con oltre 5 milioni di persone in povertà energetica nel nostro Paese, siamo preoccupati da alcuni emendamenti presentati e da proposte circolate in Parlamento che intenderebbero usare ancora una volta la bolletta della luce come bancomat dello Stato e degli Enti Locali - dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale. L'incapacità delle Istituzioni di riscuotere le imposte non deve ricadere sui cittadini-consumatori o sulle aziende del settore - prosegue Pierpaola Pietrantozzi, Segretario nazionale Adiconsum - Da tempo chiediamo una riforma strutturale della tariffa che ridisegni le diverse componenti e alleggerisca la bolletta, rendendola più trasparente con il trasferimento sulla fiscalità generale degli oneri generali di sistema non attinenti al comparto elettrico. Troppi, infatti, sono oneri e accise improprie che gravano sulla bolletta, appesantendo ancora di più le già precarie condizioni economiche di molte famiglie e di tante PMI e aumentando la povertà energetica con ripercussioni anche sugli Operatori e sui Lavoratori del settore. Per questo Adiconsum - conclude De Masi - sollecita da tempo l’istituzione di un Fondo sociale, che in aggiunta al bonus automatico, potrebbe diventare uno strumento utile per salvaguardare tutte le Parti coinvolte nel settore e dare certezza di costi a tutti i cittadini-consumatori.